Progetti per il 2016: come affrontarli, perché non siano solo desideri. Parola di coach

Il primo giorno del nuovo anno è arrivato e dappertutto leggiamo i propositi che vengono da ciascuno fatti per migliorare qualcosa. Chi si propone di smettere di fumare, chi di dimagrire, chi di cambiare alimentazione, chi di cambiare lavoro, chi di aumentare il proprio business. Già, i propositi. Siamo tutti bravi a fare propositi, il difficile viene nel mantenerli e renderli concreti. Sono passati tanti anni da quando scrivevamo da bambini la famosa lettera  a Babbo Natale, dove esprimevamo desideri; eppure molti di noi ancora usano lo stesso meccanismo. Certo, non scriviamo più letterine, ma ancora viviamo di desideri e di propositi.

È arrivato il momento di chiedersi come possiamo, da adulti, trasformare i buoni propositi in obiettivi da raggiungere; come possiamo trasformare un desiderio in un progetto da realizzare. Partiamo da qui: progetto. Questa è la parola chiave intorno a cui devono essere applicate le nostre energie.

Come mi parlo determina cosa farò

“Dovrei…” “mi piacerebbe…” “farò…” “avrei dovuto…”. Cosa manca in queste espressioni che tutti noi utilizziamo quando ci parliamo (c.d. dialogo interno), oppure quando parliamo agli altri? Manca l’indicativo presente! L’unico modo e tempo verbale che porta a realizzare in concreto qualcosa è l’indicativo presente: “ora faccio…” “comincio a…” “voglio…”. La nostra mente è come un centrometrista sui blocchi di partenza che non aspetta altro che il comando per partire. Quindi niente più futuro, passato, condizionale e sì indicativo presente, il tempo dell’azione.

È molto probabile che non otterrete ciò che avreste voluto;
molto più probabile che otterrete ciò che avete voluto.

Decidete quale prezzo siete disposti a pagare

Per non scadere nei già conosciuti discorsi sulla volontà, sulla chiarezza di intenti, sulle regole per determinare un obiettivo “ben formato” (l’acronimo S.M.A.R.T. riassume come definire un obiettivo concreto nel coaching)  oggi vi propongo di girare di 180 gradi la visuale e chiedervi

quale prezzo siete disposti a pagare per ottenere il vostro obiettivo?

Molti infatti nel programmare le mete a cui tendono sono attratti dallo scenario e dimenticano che ogni scelta, per definizione, comporta la rinuncia ad ogni altro che non sia ciò che abbiamo scelto. Se scegliete di fare un corso, di fatto rinunciate in quei momenti ad essere in qualunque altri posto, scegliete di usare i soldi in quel modo e non per altre attività.

A cosa serve valutare il prezzo che si è disposti a pagare? Serve a verificare prima di partire la determinazione con cui affronterete il percorso. Siamo tutti bravi a formulare propositi, alcuni sono bravi anche a formulare progetti con obiettivi concreti e determinati. Ma quanti sanno, prima di partire, valutare il rischio che sono disposti a correre? Quanti il sacrificio che sono disposti a sostenere e le rinunce che sono disposti a fare? Ecco, questa chiarezza è ciò che fa la differenza.

Se non vi mettete a dieta le ragioni possono essere molteplici: dal non avere un metodo, a non avere le idee chiare su cosa volete ottenere; ma la ragione prima per cui non lo fate è che non siete sufficientemente motivati a farlo. Vorreste dimagrire, ma senza sforzo. Quindi ciò che manca è la consapevolezza e volontà di sopportare un sacrificio per ottenere il risultato. Ciò vale per qualunque altro obiettivo.

Per rendere concreti i vostri obiettivi, quindi, dopo aver definito a cosa tenete, cosa volete raggiungere, cosa conta per voi oggi, chiedetevi quale sacrificio siete in concreto disposti ad affrontare per raggiungerli.

Buon 2016 a tutti!
Mario Alberto Catarozzo

Iscriviti alla Newsletter

Scarica la mia App per IOS (Apple)

Scarica la mia App per Android

Tags:


0
Connecting
Please wait...
Invia un messaggio

Scrivi qui la tua richiesta, ti risponderemo in giornata.

* Nominativo
* Indirizzo e-mail
* Richiesta
Login now

Serve aiuto? Invia subito un messaggio.

Nominativo
* Indirizzo E-mail
* Richiesta
Invia un messaggio.
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?