Donatori di coccole. Il coaching insegna l’arte del “prendersi cura”

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su print
Condividi su email
(Last Updated On: 11/07/2016)

“Voglia di donare coccole (in ospedale)” questo il titolo dell’articolo di Valentina Santarpia su Corriere.it che ci colpisce oggi. Non è una novità, in quanto la stessa associazione “I Bambini Dharma” lo aveva già portato, in quel caso per i bambini abbandonati in ospedale. Oggi si allarga a tutta la popolazione di bambini costretti a letto in ospedale per cure mediche.

Coccole: condivisione e comprensione

Cosa c’entra questo con il coaching e con i temi che siamo soliti trattare in questo blog? Bella domanda! C’entra perché alla base di qualunque tipo di relazione e soprattutto di sviluppo, individuale e di team, il tema del “prendersi cura” è centrale. Lo troviamo nelle relazioni familiari e parentelari in generale, lo troviamo nelle relazioni amicali, ma lo troviamo anche in ufficio, nelle relazioni di lavoro. “Prendersi cura” non vuol dire “farsi carico”. Significa condividere (con-dividere) emozioni, esperienze, momenti di vita che il nostro interlocutore sta vivendo. Vuol dire sapersi dedicare per un po’ di tempo all’altro, completamente. Significa recuperare la capacità del “mono-tasking”, del fare una sola cosa alla volta, in questo caso dedicare interesse, attenzione all’altro. L’esito sarà che il nostro compagno di ventura non si sentirà più solo al mondo in quel momento; sentirà di avere qualcuno che lo sta comprendendo (com-prendendo), che è entrato in sintonia con lui.

Dedicare tempo all’altro arricchisce entrambi

Tutti noi siamo immersi nei nostri pensieri, preoccupazioni, paure, diffidenze e questo ci rende isole, aumentando quel senso di precarietà e solitudine che accompagna ciascuno.
Il tema delle coccole ai bambini fa pensare proprio questo, che è chi le dona che si arricchisce insieme a chi le riceve. Ma oltre alle coccole ai bambini in ospedale (meravigliosa iniziativa!) anche fuori e anche gli adulti ricordiamoci che ne hanno bisogno.

Le coccole possono prendere diverse forme: dal contatto fisico della carezza in senso stretto, all’attenzione dedicata, al dono materiale di un bene, ad uno sguardo complice e di sostegno, a parole di conforto.


Ciò che conta è di ricordarsi di instaurare relazioni in qualunque ambiente, più che limitarci a trasmettere nei nostri contatti informazioni. Ne gioverà non solo la dimensione umana di ciascuno, ma anche il business. Quando entriamo in rapport (come ci insegna la PNL) con il nostro interlocutore, accadono cose magiche che, a parità di condizioni, non accadranno mai in assenza di empatia. Pensate alle applicazioni di tutto ciò al tavolo negoziale, nella relazioni tra colleghi, nelle relazioni con i clienti.
Vi lascio con un bellissimo video sull’empatia:

 

Mario Alberto Catarozzo

Iscriviti alla Newsletter

Scarica la mia App per IOS (Apple)

Scarica la mia App per Android

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su print
Condividi su email
0
Connecting
Please wait...
Invia un messaggio

Scrivi qui la tua richiesta, ti risponderemo in giornata.

* Nominativo
* Indirizzo e-mail
* Richiesta
Login now

Serve aiuto? Invia subito un messaggio.

Nominativo
* Indirizzo E-mail
* Richiesta
Invia un messaggio.
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?