Come prenderci cura delle nostre ferite: ce lo spiega l’arte del Kintsukuroi

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su print
Condividi su email
(Last Updated On: 13/03/2019)

Per chi è cresciuto all’ombra della perfezione, cercando di fare del proprio meglio per essere all’altezza delle aspettative potrà sembrare molto difficile, ma sono proprio l’imperfezione e le cicatrici del passato a renderci quello che siamo.

.

La filosofia giapponese del Kintsukuroi insegna l’arte del saper riparare ciò che si rompe con materiali preziosi per renderlo ancora più unico e prezioso di prima. I maestri di questa antica arte si dedicano a ricomporre le ceramiche andate in frantumi; pezzo dopo pezzo, con pazienza, silenzio e cura l’oggetto viene ricomposto e ad esso viene donata una seconda vita. Questa non è una vita di ripiego, di serie B, ma una NUOVA vita, decisamente un pezzo unico e inimitabile, dove sono proprio le giunture impreziosite dall’oro e dall’argento a farne qualcosa di prezioso.

.

© Pedro Díaz Ridao – 2 Agosto

.

La cultura occidentale in cui tutti noi siamo cresciuti ci porta a pensare che solo ciò che è perfetto, integro, sia davvero degno di attenzione; al contrario, ciò che si rompe va buttato via, va eliminato. Provate a trasporre questa mentalità dagli oggetti alle persone ed ecco che la sofferenza di molti di noi prende forma. Le ferite e le cicatrici, gli errori e i fallimenti devono essere nascosti, eliminati.

.

L’immagine che piace è dell’eroe che vince sempre, sena macchia, senza difetti, praticamente perfetto. A partire dalle modelle sulle passerelle, agli stereotipi più comuni, ciò a cui si tende è qualcosa senza macchia, senza pieghe, ferite o difetti.

Eppure ciò che rende prezioso il legno sono le sue venature, ciò che rende eterna una scultura è la sua resistenza al tempo, che non vuol dire senza erosione, ma con resilienza. Eppure siamo portati a nascondere le rughe, a coprire i capelli bianchi, a togliere l’imperfezione estetica, a non far vedere le nostre fragilità.

.

Cosa ci insegna Alessandro Magno sulla vita? I 4 principi, eccoli

.

Nella cultura giapponese una ciotola di ceramica riparata con l’arte del Kintsukuroi diventa più preziosa di prima, più bella e desiderabile, un pezzo unico, appunto.

Non solo non si nascondono le giunture, ma si esaltano impreziosendole e la ciotola diventa più resistente di quanto fosse in origine. Più affascinante della sua perfezione è la sua storia, la sua capacità di resistere, la sua tenacia.

.

Quanto tempo abbiamo finora passato a voler dimenticare una ferita? Quanto a voler coprire un’imperfezione? Quanto a desiderare di essere diversi, migliori, senza sapere che migliore vuol dire prezioso per come siamo diventati e forti nel farlo vedere senza paura o pudore.

.

Ci vediamo al seminario puntosudiME per imparare da questa antica arte a prenderci cura delle nostre ferite emotive e diventare più forti e preziosi.

puntosudiME si terrà nella sua versione estiva a Padenghe sul Garda il 25 – 26 – 27 aprile 2019.

Per scoprire i contenuti e la magnifica location vai su  www.puntosudime.it

.


.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche Perchè dovrei puntare sulle mie emozioni?

.


.

Mario Alberto Catarozzo

Coach e Formatore – CEO di MYPlace Communications

Iscriviti alla Newsletter

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su print
Condividi su email
0
Connecting
Please wait...
Invia un messaggio

Scrivi qui la tua richiesta, ti risponderemo in giornata.

* Nominativo
* Indirizzo e-mail
* Richiesta
Login now

Serve aiuto? Invia subito un messaggio.

Nominativo
* Indirizzo E-mail
* Richiesta
Invia un messaggio.
Feedback

Help us help you better! Feel free to leave us any additional feedback.

How do you rate our support?